Una casa di Bambola

Una casa di Bambola
di Henrik Ibsen
traduzione, adattamento, regia Andrée Ruth Shammah
spazio scenico Gian Maurizio Fercioni
elementi scenici Barbara Petrecca
costumi Fabio Zambernardi
in collaborazione con Lawrence Steele
luci Gigi Saccomandi
musiche Michele Tadini
foto Tommaso Le Pera
produzione Teatro Franco Parenti Fondazione Teatro della Toscana
con Filippo Timi,
Marina Rocco nel ruolo di Nora,
con la partecipazione di Mariella Valentini
e con Andrea Soffiantini, Marco De Bella, Angelica Gavinelli, Paola Senatore

ho letto tanti anni fa il libro di Ibsen e ritrovarlo in scena al Teatro Argentina, è stata una grande emozione. La storia a 140 anni dalla sua creazione mantiene un fascino senza tempo e rappresenta ancora un argomento attuale e amato dal pubblico. E’ una storia di una drammaturgia intensa che mantiene la sua alta aspirazione di lotta al femminile contro i misteri di un rapporto difficile tra marito (dominatore/padre) e moglie (bambina/figlia). Nora è davvero la vittima di una situazione ben codificata o ne è l’autrice? Nei testi adattati dalla regia di Andrée Ruth Shammah (anche traduttrice), ritroviamo la difficoltà che si nascondo nelle sottili frasi non dette di un rapporto in cui anche i sentimenti e le azioni prendono forma nell’invisibilità. Filippo Timi (che resta uno dei miei attori preferiti) è praticamente perfetto nella parte di protagonista in questo dramma borghese che ha degli aspetti di thriller e che conquista lo spettatore che ne rimane incantato. Le scene si sussegnon nell’inanellarsi degli eventi, piendi di sentimenti, emozioni, passioni, inganni, sogni, calcoli che ci avvolgono completamente fino alla fine.. Un’opera magnifica che trova spazio in uno dei teatri che amo di più, quello Argentina, che fa da raccordo al centro istituzionale con trastevere ed il lungo Tevere. Il teatro è magia ed in questa pièce ritroviamo l’universo maschile e femminile incontrarsi per rincorrersi in una “Casa di Bambola” che in realtà non esiste, ma che è una metafora della vita. Da vedere!

Voto 4 su 5.

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.