Il penitente

Il penitente
Teatro Eliseo
dal 7/11 al 26/11/2017
con Luca Barbareschi, Massimo Reale, Duccio Camerini e Lunetta Savino
Regia e Tradizione Luca Barbareschi

Il penitente è andato in scena fino al 26 novembre al Teatro Eliseo. La rappresentazione teatrale è tradotta dall’opera creata dal drammaturgo statunitense David Mamet (Premio Pulitzer per Glengarry Glen Ross). Un’opera molto interessante e davvero bella che ha come cardine il rapporto tra comunicazione, giustizia e spiritualità, il tutto ambientato ai giorni nostri. La regia di Barbareschi è palpabile e quello che è messo in opera è l’alterazione dei rapporti nella società moderna. E’ una tragedia moderna che tocca le storia di uno psichiatra in crisi profonda che si rifiuta di testimoniare nel processo di un suo paziente accusato di strage. Sul paziente “penitente” ci sono altre accuse e viene preso di mira anche dai giornali e sbattuto in prima pagina. in quest’opera c’è tutto dal potere dell’informazione, alla tutela della legge e le difficoltà psichiatriche.. il tutto messo in otto scene. C’è il dibattito in tribunale tra accusa e divesa, lo scontro moglie e marito fino al colpo di scena nel finale. La giustizia in questo caso divide e crea discriminazione perchè il penitente è emarginato da tutti. In una storia dove la verità e la menzogna si fondono insieme, con sullo sfondo l’appartenenza religiosa. Gli artisti impeccabili sul palco, anzi direi perfetti a creare un’atmosfera tensiva per lo spettatore e guidandolo fino alla scena finale. L’opera di Mamet fa riflettere sulla realtà moderna e sopratutto sulla comunicazione.

Voto 4 su 5.

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.