Dna in mostra

DNA.
Il grande libro della vita da Mendel alla genomica
10 febbraio – 18 giugno 2017
Palazzo delle Esposizioni – Roma

Arriva a Roma, una mostra davvero interessante completamente sul DNA. L’allestimento a cura di Telmo Pievani, Sergio Pimpinelli, Fabrizio Rufo e Bernardino Fantini è davvero un bel viaggio nella scienza della genetica e della genomica. Chi non ha studiato Mendel a scuola? La sua figura ha aleggiato sui nostri studi e sul mondo moderno nel mondo di capire le leggi dei fattori eriditari in un universo che si dipana nell’invisibile tra scienza, tecnica e medicina. Sono sempre stata affascinata da questo mondo che è in continua evoluzione e che ci porterà sicuramente ad abbattere nuove frontiere della conoscenza. L’essere umano è talmente complesso che studiare la funzione del DNA, significa applicare le conoscenza in campo pratico e multidisciplinare non sono in medicina per curare le malattie, ma anche in campo investigativo e forense, giudirico e sociale. L’allestimento della mostra vede un percorso in cui si affrontano le tappe della storia scientifica dalle scoperte di Mendel sull’ereditarietà, a quella di Morgan e i moscerini della frutta e quindi sui geni e sui cromosomi, a Watson, Rosalind Franklin e Crick sulla struttura a doppia elica del DNA. La seconda parte del percorso vede il raffronto tra presente e futuro tra clonazione, ingegneria genetica, biologia sintetica, la genetica forense, nonchè l’analisi del DNA delle specie estinte. L’allestimento è un viaggio tra la storia e il giorno di oggi ed utilizza reperti storici ed originali con visioni suggestive, coinvolgendo l’utente che si trova a leggere linguaggi completamente diversi nelle sette sezioni in cui la mostra si articola. Bella la narrazione dedicata alla pecora Dolly, primo animale oggetto di clonazione come i reperti inediti in Italia e i percorsi interattivi che rendono l’intera esposizione un unicum nel genere. E’ davvero eccellente a livello didattico che in modo molto approfondito e con un linguaggio semplice affascina gli spettatori in un percorso di genetica e genomica che fornisce sopratutto ai ragazzi e agli studenti uno strumento di studio in una cornice di museologia scientifica moderna. da non perdere!

voto 4.5 su 5.

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.