Cronaca di una sconfitta

maria alessia del vescovo/ giugno 28, 2014/ Sport/ 0 comments

Brasile 2014: cronaca di una sconfitta

tutto è stato detto e tutto è stato scritto. La nazionale ha fallito ed è tornata con la coda tra le gambe in Italia, con la consapevolezza che adesso occorre fare qualcosa. C’è bisogno di ricostruire un gruppo e per farlo ci vuole tempo e pazienza. Qualcosa sul suolo brasiliano è successo di importante: il rapporto tra i calciatori è andato in frantumi.
Troppe parole e troppo nervosismo hanno caratterizzato le azioni degli sportivi.
i “vecchi” vanno verso l’addio ed i “giovani” cosa fanno? Tra recriminazioni e dichiarazioni, il gruppo di Prandelli è ormai finito. il Ct ed il Presidente federale si sono dimessi ed ora spazio ai sostituti. I toto nomi sono già pronti, ma noi aspettiamo. Eravamo così inetti da non meritare gli ottavi? sinceramente credo di no e come al solito sul nostro cammino abbiamo trovato un arbitraggio che ci ha penalizzato dall’inizio alla fine, condizionando un match di certo non esaltante.
Certo cose buone qualcuno le ha fatto come Darmian e Verratti che rappresentano il futuro.
Ora occorre aspettare il prossimo ct. Noi italiani diventiamo tutti commissari tecnici e per questo abbiamo,sin dalle convocazioni, sparato sentenze. E di certo lo faremo ancora con il prossimo ct..

Rispondi