Agesci, La route Nazionale

maria alessia del vescovo/ agosto 19, 2014/ notizie/ 2 comments

Agesci, la Route Nazionale

L’estate 2014 ha visto la realizzazione della Ruote Nazionale dei Rover e delle Scolte dell’Agesci (Associazione guide e scouts cattolici italiani). 30.000 giovani di età compresa dai 16 ai 21 anni, provenienti da tutta italia si sono incontrati a San Rossore (PI), camminando a piedi, con lo zaino in spalla.
I giovani scout hanno percorso “le strade di coraggio d’Italia”, attraversando villaggi, città, paesi e montagne per ritrovarsi insieme con oltre 200 giovani stranieri provenienti da alcuni paesi europei, arabi ed africani.
Questo è stato il terzo incontro nazionale (il primo nel 1986) con oltre 400 campi mobili in tutte le regioni italiane e poi la città delle tende realizzata nell’ex tenuta presidenziale di San Rossore.
Questo è stato un momento importante per l’Agesci di scoperta, riflessione, spiritualità e condivisione.
Il tema è stato quello del coraggio che contraddistingue lo scautismo come esperienza di vita e di crescita. Durante la route è stata anche stilata la “Carta del Coraggio”.
Il movimento è stato creato da Baden Powell il cui impegno era quello di lasciare il mondo migliore di come lo si trova ed ancora oggi raccoglie giovani di tutto il mondo.
Ho fatto parte degli scout per molti anni e posso dire che si rimane scout a vita. La promessa che si fa davanti a Dio ed al paese è un marchio indelebile sulla pelle. Ho vissuto anche io nel 1997 una ruote nazionale ed è stata un’esperienza che mai dimenticherò nella vita.
Quest’estate ho solo visto in tv la bellissima ruote di San Rossore e devo dire con una fitta al cuore perchè avrei voluto esserci anch’io. Negli occhi di quei giovani ho rivisto me stessa 10 anni fa ed auguro che molti ragazzi scoprano questa associazione che forma e fa crescere a contatto con la natura.

2 Comments

  1. Concordo con te l’esperienza scout é formativa e importante sia dal punto di vista della crescita che della condivisione.

Rispondi