Modà: gioia

maria alessia del vescovo/ maggio 14, 2014/ musica/ 0 comments

I Modà sono la bande dell’anno, con un successo che vede ancora il loro album “Gioia”, tra i più venduti, dopo l’ottima partecipazione al Festival di Sanremo 2013.
E’ una band che di gavetta ne ha fatta tanta, ricordo la prima volta che li ho visti durante la Giornata Mondiale della Gioventù a Colonia nel 2005, ove parteciparono durante il concerto per la festa dei pellegrini italiani.
Infatti in quell’anno Francesco Silvestre, detto Kekko, frontman del gruppo, incise un album per il gruppo musicale Gen Rosso (band cattolica del movimento dei focolari).
La loro ascesa è avvenuta dopo la partecipazione a Sanremo con Emma con il brano Arriverà e d alì poi sold out ai vari tour.
Gioia è il nome della figlia di Kekko, nata da poco, che apre l’intero disco.
I Modà sanno regalare emozioni mescolando melodia al rock e l’album è davvero ben fatto.
Bellissime le canzoni “Quando arrivano i suoi occhi”, “Come in un film”, Non è mai abbastanza”, “Dimmelo” o altre ballate quali “Come l’acqua dentro il mare” – il brano scartato alla kermesse canora di Sanremo – “La sua bellezza” e “Se si potesse non morire”, quest’ultima finalista invece al Festival della canzone italiana, per concludere con “Laura”, nome della compagna di Kekko, come a ringraziarla dell’amore che gli ha dato.
L’album ha molto di personale, parla di amore, sofferenza, speranza, preghiera, che strizza gli occhi ai giovani e poi è piacevolissimo da ascoltare.
Ottimi gli arrangiamenti.
Ora la Band si prepara al tour negli stadi nel 2014, per la prima volta a San Siro e all’Olimpico per poi avere un proseguimento internazionale con tappe a Madrid, New York, Zurigo, Parigi, Londra, Bruxelles, Monaco ed Amsterdam.

Voto 4.5 su 5

TRACKLIST

1. “Gioia”
2. “Quando arrivano i suoi occhi”
3. “Bellissimo”
4. “Dove è sempre sole”
5. “Come in un film”
6. “Non è mai abbastanza”
7. “Dimmelo”
8. “Paura di volare”
9. “Come l’acqua dentro il mare”
10. “La sua bellezza”
11. “Se si potesse non morire”
12. “A Laura”

Rispondi