Chiara con Un giorno di sole

maria alessia del vescovo/ ottobre 24, 2014/ musica/ 0 comments

Chiara Galiazzo, che ha abbandonato il suo cognome, è davvero un bel disco. La ragazza di Padova è cresciuta e questo album rappresenta una vera rinascita. Chiara viene dal successo di XFactor, la buna performance di Sanremo, il disco d’oro con il suo primo lavoro Un posto nel mondo e il duetto Stardust con Mika.
In questo album si vede il suo amore per la musica ed esce fuori la vera Chiara. Le sue doti canore sono conosciute.
L’album è stato prodotto da Fabrizio Ferraguzzo e registrato tra Acquapendente ed Orvieto.
Il singolo Un giorno di sole, apre l’album ed è scritto da Daniele Magro, già autore di Emma.
In questo album troviamo una Chiara molto tecnica che con la sua voce riesce a mescolare sonorità pop ed elettronica.
La canzone Siamo Adesso porta la penna di Pacifico che mostra una Chiara molto vivace. C’è poi Ti rimedio la vita la cura sempre di Daniele Magro che sicuramente è il miglior pezzo dell’album.
Poi non si può non ricordare Che valore dai, con un bel arrangiamento e La vita è da vivere con un ritmo molto folk scritto da Ermal Meta che ha messo la firma anche in Il meglio che puoi dare.
Sicuramente Nomade, sempre scritta da Daniele Magro, è una bella canzone che colpisce l’ascoltatore immediatamente.
In Ruba l’amore, scritta da Davide Simonetta (dei Caponord) e Piero Romitelli (ex concorrente di Amici), si nota la delicatezza della voce di Chiara come in Amore infinito scritta da Niccolò Verrienti, che è un pezzo emozionante.
Un altro pezzo del duo Romitelli-Simonetta crea un altro pezzo Il senso di noi dove esce fuori una Chiara introspettiva.
Infine non si può non ricordare Qualcosa resta sempre, una canzone commuovente scritta da Virginio Simonelli, il più bel pezzo del disco.
Chiara sembra cresciuta e lo si vede subito in questo album dove si mescolano ballad con country e folk e pop.
La voce è importante che si libera un pò dell’etichetta del talent che l’ha resa famosa, quindi la ragazzina di periferia è diventata grande e ci regala un bel lavoro.

Voto 3,5 su 5

Rispondi