Anche se dopo tutto si è spento

“Anche se dopo tutto si è spento”, è l’album postumo di Giorgio Faletti, uscito il 25 novembre, giorno del suo compleanno. Il disco, prodotto da Orlantibor e iCompany, con la distribuzione di Sony Music, contiene 7 brani inediti e 6 scelti tra le sue più belle canzoni. Gli inediti sono stati registrati nel 2013, mentre gli altri spaziano nella sua carriera dal 1995 al 2012. La morte di Giorgio Faletti mi ha spiazzato, a me l’artista piaceva come scrittore e come cantautore. L’idea della moglie Roberta Bellesini Faletti è stata importante per i suoi fan come me, che ancora sognano di leggere un altro suo libro. Il cd esce in edizione digipack, completato da un libretto di 24 pagine con tutti i testi dei brani contenuti ed alcune immagini di Giorgio e dei suoi quadri. L’edizione digitale ha invece come bonus track una versione alternativa di “Confessioni di un pianoforte”.
La moglie ha dichiarato di aver aperto un cassetto e di aver trovato un “tesoro” dove Giorgio Faletti si ritirava a scrivere e comporre, come un naufrago sulla sua isola. L’album, lo ribadisco, è un vero e proprio regalo fatto nel giorno della sua nascita, per donare ancora quello che Giorgio ha donato nella sua vita di artista: sensibilità, acutezza, emotività e delicatezza. E’ come ricomporre dei lembi di una ferita e la voce di Giorgio che la lenisce. Faletti era un artista completo a tutto tondo, capace di passare dalla comicità, alla pittura, alla musica ed alla scrittura. Un album bello, come ce ne sono pochi, che merita davvero di essere comprato e regalato a chi si vuole bene.

Voto 4.5 su 5.

Questi i brani inclusi:

Un uomo di carattere
Le donne di Perez
Va tutto bene
Confessioni di un pianoforte
Unisex
La corsa all’oro
Il tappeto rosso
Signor tenente
The show must go on
Nudi
Identikit
L’ombra
L’assurdo mestiere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.