Il mondo non mi deve nulla

maria alessia del vescovo/ maggio 26, 2014/ libri/ 1 comments

Il mondo non mi deve nulla. Massimo Carlotto questa volta abbandona il suo nordest e ci porta in una storia asciutta, breve ma densa di emozioni. Siamo a Rimini dove due vite diverse, opposte senza nulla in comune, eppure così simili si incontrano per uno strano scherzo del destino. Come su una ruota che gira due solitudini si riconoscono e si mescolano insieme fino ad arrivare ad un finale inaspettato. Un uomo ed una donna. Lei ricca, bella, di classe, di origine tedesca che ha viaggiato x il mondo che
Non sa più cosa chiedere, lui italiano, povero, la cui voglia di vivere è forte. Lui vive un’esistenza alla ricerca di un riscatto, non ha più nulla, lei che ha costruito la sua vita sulle illusioni ora non ha che i ricordi ed aspetta un’occasione per uscire da quel tunnel. La storia va avanti tra i due con i loro dialoghi ben orchestrati da Carlotto. Adelmo e Lise non sono altro che la proiezione di due vite: una senza più stimoli e l’altra alla ricerca della stabilità. Entrambi hanno dei desideri da soddisfare: in un rapporto cosí fragile eppure così bizzarro. Gli stati d’animo fanno da padroni fino ad un finale intenso. É uno stile molto particolare quello che usa Carlotto in questo caso, sembra fatto per un’opera teatrale.
Un Carlotto diverso, ma che stupisce sempre il lettore.
Da leggere!

Voto 3,5 su 5

1 Comment

  1. Carlotto é un maestro a descrivere l’animo umano. Grazie x la bella recensione Maria Alessia

Rispondi