Storia di una ladra di libri

Storia di una ladra di libri
Zusak Markus
2014, 563 p.,
Traduttore Giughese G. M.
Editore Frassinelli (collana Narrativa)

Un gran bel libro che ci porta nella Germania nazista, ove il giorno del funerale del fratello di Liesel Meminger Ella raccoglie un libro nascosto nella neve che era stato dimenticato nel piccolo cimitero. Inizia la sua storia, quella di una ladra di libri ove le parole la confortano e l’aiutano nella vita contro le difficoltà che le vengono incontro. Impara a leggere e ruba i libri ai roghi nazisti, ai negozi, alle sinagoghe, alla biblioteca. Lei li ruba per salvarli perchè il potere delle parole non solo sono un toccasana per l’anima di Liesel, ma anche per il lettore, infatti questo libro è stato pubblicato con il titolo “La bambina che salvava i libri”.
Avrei voluto innamorarmi di questo romanzo dalle prime pagine ma purtroppo non ci sono riuscita, per una prima metà sono stata lì a leggere senza avere quel pathos che invece è arrivato alla metà fino alla fine.
La scrittura non è troppo facile perchè la prima parte è un pò frammentata per arrivare alla seconda dove invece il libro prende il volo.
La cosa che più mi ha colpito e l’amore per le parole e la lettura che parlano di un’amore che nemmeno le atrocità della guerra può cancellare.

Voto: 4 / 5

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.