Le lettere di Berlicche

Le lettere di Berlicche
Lewis Clive S.
154 pp.
Editore Mondadori
(collana Oscar classici moderni)

Sono trentun lettere scritto da C. S. Lewis (noto per il più famoso lavoro de “Le cronache di Narnia”) con le quali un adetto di Satana istruisce suo nipote Malacoda, giovane apprendista, attraverso dei mezzi per conquistare gli uomini.
Berlicche sa come prendersi le anime in ogni passo della vita, dall’amore all’amicizia, passando per i pensieri, la preghiera, i divertimenti, il lavoro e di come ogni cosa possa essere distorta in un pensiero diaboloca.
Lewis scrive in modo limpido con uno stile semplice e filosofico allo stesso tempo.
Conosce bene l’animo umano e sa come conquistarlo.
Malgrado queste istituzioni Malacoda diventerà cristiano. Quello che più ho apprezzato è stata la capacità dell’autore di vedere il futuro in prospettiva e di studiare l’uomo nelle semplici cose quotidiane, dal divagamento dei pensieri fino ai sentimenti più belli quelli dell’amore e degli affetti più cari..
E’ stato davvero piacevole leggere il caro Berlicche parlare a suo nipote Malacoda, perchè sappiamo che la fede è una cosa che nasce dal di dentro, che cresce nell’animo umano anche attraverso i fatti che ci accadono.
E’ inutile stigmatizzare il male, esso esiste come esiste il bene e per questo va studiato proprio come ha fatto lo scrittore.
Quando ho preso il libro sono rimasta piacevolmente sorpresa da quest’opera perchè avevo conosciuto Lewis dopo aver letto (anzi divorato) Le cronache di Narnia.
E’ un’opera in cui raccoglie le fondamentali leggi interiori senza essere pesante, ma ha la capacità di cogliere nel segno, prescindendo dalla religione tipicamente cristiana.
E’ un libro interessante che fa riflettere e mette in risalto delle grandi verità dell’animo umano.
Voto 3.5 su 5.

Tag:

2 thoughts on “Le lettere di Berlicche”

  1. Ester ha detto:

    Ciao Maria Alessia, il libro di Lewis è un libro molto bello, che mi ha fatto riflettere sul bene e sul male, grazie per averlo recensito, non è un romanzo che si trova appena entri nelle librerie, volevo sapere chi te lo ha consigliato. Io ho iniziato un percorso di fede e sia io che gli altri siamo stati invitati a legerlo. Complimenti per il tuo blog, mi piace.

    1. ciao ester e grazie a te per il commento. anche a me Berlicche è stato consigliato da una mia amica che fa un percorso di fede. non è un libro facile e non va letto superficialmente, di converso va attenzionato con il giusto spirito per la lettura!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.