Tim Burton al cinema con Big Eyes

Big Eyes
Paese di produzione Stati Uniti d’America
Regia Tim Burton
Genere biografico, drammatico
Sceneggiatura Scott Alexander, Larry Karaszewski
Produttore Scott Alexander, Tim Burton, Lynette Howell, Larry Karaszewski
Produttore esecutivo Katterli Frauenfelder, Derek Frey, Jamie Patricof, Bob Weinstein, Harvey Weinstein
Casa di produzione Silverwood Films, Electric City Entertainment, Tim Burton Productions, The Weinstein Company
Distribuzione (Italia) Lucky Red
Fotografia Bruno Delbonnel
Montaggio JC Bond
Musiche Danny Elfman
Scenografia Rick Heinrichs
Costumi Colleen Atwood
Durata 105 min

Interpreti e personaggi
Amy Adams: Margaret Keane
Christoph Waltz: Walter Keane
Danny Huston: Dick Nolan
Jon Polito: Enrico Banducci
Krysten Ritter: DeeAnn
Jason Schwartzman: Ruben
Terence Stamp: John Canaday

Doppiatori italiani
Stella Musy: Margaret Keane
Massimo De Ambrosis: Walter Keane
Stefano De Sando: Dick Nolan
Angelo Nicotra: Enrico Banducci
Domitilla D’Amico: DeeAnn
Emiliano Coltorti: Ruben
Dario Penne: John Canaday
Gianni Giuliano: giudice

Big Eyes è un film che vede il ritorno di Tim Burton alla regia e con protagonisti Amy Adams e Christoph Waltz.
La pellicola è tratta da una storia vera, quella della pittrice Margaret Keane, e di suo marito ritenuto il vero autore delle opere.
I quadri hanno rivoluzionato l’arte americana e l’intera storia è narrata da Dick Nolan, giornalista di una testata scandalistica.
Il tutto inizia dalla fuga di Margareth con sua figlia Jane dalla sua casa californiana per San Francisco perchè non riesce più a stare insieme al marito, senza però trovare lavoro. Allora si dedica ai ritratti per la strada e conosce Walter Keane, agente immobiliare con la passione per la pittura. La caratteristica delle opere di Margareth è quella di rappresentare figure con gli occhi grandi rispetto alle altre parti del corpo. Margareth e Walter decidono di sposarsi ed entrambi si stimano e si amano. I due riescono ad esporre i quadri nel famoso locale di Enrico Banducci, che gli concede il corridoio verso i bagni. La situazione degenera e il giornalisti Dick Nolan se ne occupa. Le opere vengono firmate dal marito ed hanno un grande successo con notevole guadagno economico. Margareth però non è felice e la situazione tra i due è notevolmente compromessa e prenderà una decisione importante per la sua vita.
un film bello, da vedere che mostra sempre un ottimo Tim Burton alla regia.

Voto 3,5 su 5.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: