Inferno al Cinema

Inferno è il terzo film dedicato al famoso Robert Langdon, protagonista dei libri di Dan Brown, esperto simbolista dell’Università di Cambridge, che si ritrova a Firenze, patria di Dante. Ron Howard porta nuovamente sul grande schermo il romanzo dello scrittore americano dopo il successo de “Il codice da Vinci” e di “Angeli e Demoni” ove ritroviamo Tom Hanks rivestire le vesti del professor Langdon, nuovamente a risolvere i grandi misteri dell’umanità. Il film inizia mettendo in risalto la bellezza rinascimentale del capoluogo toscano tra Palazzo Vecchio, il Duomo e il Bargello. Langton si ritrova in un ospedale fiorentino, presumibilmente vittima di qualcosa che ancora non si sa…
Lo aiuta Sienna che lo assiste, ma il nemico da combattere è un ingegnere genetico che vuole diffondere un virus per combattere il sovrappopolamento della terra..
Ma Langton di chi potrà fidarsi? Inizia, anche questa volta la sua corsa contro il tempo per salvare il genere umano e devo ammettere che Tom Hanks riesce appieno a mettere in scena tutta la paura e lo smarrimento del suo personaggio, attanagliato dalle immagini della sua mente e dalla sete di risolvere l’intrigo in cui si è ritrovato, suo malgrado..
La sceneggiatura mette in risalto la dinamicità del libro, conducendo con il fiato sospeso lo spettatore tra i suoi personaggi sempre più ambigui e le immagini sapientemente montate di una storia che intriga sin dal primo minuto. Ho vissuto per anni nel capoluogo toscano e devo ammettere che Firenze fa da sfondo ad un bel thriller dove la sua storia e la bellezza artistica si mescolano con la genetica moderna in un rebus che solo lo studioso Langton potrà decifrare barcamenandosi tra i pericoli e tra le insidie di ogni tipo.
Tutti i personaggi nascondono qualcosa anche Marta Alvarez, direttrice del Museo dell’Opera del Duomo, perché i misteri ad ogni minuto che trascorre si infittiscono.
La regia di Howard mette in risalto gli attori e la caratterizzazione datagli da Dan Brown con l’accompagnamento magistrale della colonna sonora di Hans Zimmer..
Davvero un bel film dove i misteri danteschi si diffondono nel labirinto di una Firenze segreta, nella quale ci si perde attraverso enigmi di difficile soluzione.
Sicuramente un ottimo prodotto da non perdere!
Voto 4 su 5.

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.