Una piccola impresa meridionale

maria alessia del vescovo/ maggio 14, 2014/ film/ 0 comments

Una piccola impresa meridionale
GENERE: Commedia
REGIA: Rocco Papaleo
SCENEGGIATURA: Rocco Papaleo, Valter Lupo
ATTORI: Riccardo Scamarcio, Rocco Papaleo, Barbora Bobulova, Sarah Felberbaum, Claudia Potenza, Giuliana Lojodice
FOTOGRAFIA: Fabio Zamarion
MONTAGGIO: Christian Lombardi
PRODUZIONE: Paco Cinematografica in associazione con Warner Bros. Entertainment Italia e realizzata con il sostegno di Regione Lazio e Sardegna Film Commission.DISTRIBUZIONE: Warner Bros ItaliaDURATA: 103 MinUSCITA CINEMA: 17/10/2013
RECENSIONE

Dopo il successo del precedente film “Basilicata coast to coast”, Rocco Papaleo torna alla regia con questa nuova commedia, ovviamente ambientata al sud.
Don Costantino (Rocco Papaleo) torna nel paese di sua madre, perchè deve risolvere delicate questioni familiari: sua sorella Rosa Maria (Claudia Potenza) è scappata con l’amante abbandonando il marito, lui si è tolto l’abito perchè ama una donna, Arturo (Riccardo Scamarcio) il cognato intanto è deriso dall’intero paese come cornuto ed infine troviamo Magnolia (Barbara Bobulova), un’ex prostituta, la sorella della donna di servizio della mamma dell’ex prete, che metterà a soqquadro le vite degli altri.
La pellicola è piacevole ed è contornata da ottima musica voluta dal regista. Un ottimo Riccardo Scamarcio nei panni del marito tradito che si trova benissimo nelle sue atmosfere pugliesi.
Rocco Papaleo dietro la macchina da presa, sa ben descrivere la sua Puglia e lui, confinato da sua madre Stella (Giulina Lojodice) nell’ex faro dismesso, per nascondersi da occhi indiscreti e da lingue taglienti, troverà tutti gli altri personaggi unitamente alla strana ditta di ristrutturazioni del faro che farà da collante per rimettere in piedi le loro vite.
Tra scandali, maldicenze, pudore che ancora incarnano la cultura italiana i vari personaggi si ritrovano ad affrontare le loro vite per ricostruirle. Come per “Basilicata coast to coast”, ove il tema era il viaggio, in “Una piccola impresa meridionale”, si tratta di un viaggio nella vita e nell’interiorità, il tutto farcito da un’ottima colonna sonora che rende la pellicola una vera e propria commedia musicale.

Assolutamente da vedere!
Voto 4 su 5.

Rispondi