Il capitale umano

maria alessia del vescovo/ maggio 14, 2014/ film/ 0 comments

Il Capitale Umano
Regia: Paolo Virzì.
Cast: Valeria Bruni Tedeschi, Fabrizio Bentivoglio, Valeria Golino, Fabrizio Gifuni, Luigi Lo Cascio.
Genere: Thriller.
Durata 109 minuti circa.
Da giovedì 9 gennaio 2014 al cinema
Soggetto Stephen Amidon
Sceneggiatura Paolo Virzì, Francesco Bruni, Francesco Piccolo
Produttore Marco Cohen, Fabrizio Donvito, Birgit Kemner, Philippe Gompel, Lorenzo Gangarossa, Benedetto Habib, Alessandro Mascheroni
Casa di produzione Rai Cinema, Motorino Amaranto, Indiana Production Company
Distribuzione (Italia) 01 Distribution
Fotografia Jérôme Alméras
Montaggio Cecilia Zanuso
Musiche Carlo Virzì
Scenografia Mauro Radaelli e Andrea Bottazzini
Costumi Bettina Pontiggia

Interpreti e personaggi

Fabrizio Bentivoglio: Dino Ossola
Valeria Bruni Tedeschi: Carla Bernaschi
Fabrizio Gifuni: Giovanni Bernaschi
Valeria Golino: Roberta Morelli
Luigi Lo Cascio: Donato Russomanno
Bebo Storti: ispettore
Matilde Gioli: Serena Ossola
Guglielmo Pinelli: Massimiliano Bernaschi
Giovanni Anzaldo: Luca Ambrosini
Gigio Alberti: Giampi
Silvia Cohen: Adriana Crosetti
Alessandro Betti: l’Assessore
Federica Fracassi: Rosanna Bertoncelli, critica teatrale
Pia Engleberth: Signora Ester
Paolo Pierobon: zio Davide
Gianluca Di Lauro: Fabrizio, il ciclista
Michael Sart: Jean Louis, l’assistente di Bernaschi
Alessandro Milzoni: Francesco Alberici
Anna Lazzeri: Marie Rose Bertolazzi
Luca Torraca: Don Alberto, il preside

L’ultimo film di Paolo Virzì è ambientato in un piccolo paese della Brianza, alle pendici di una collina..
Una sera un cameriere di un catering torna a casa di notte con la sua bicicletta, rimane vittima di un pirata della strada che con il suo Suv lo lascia a terra.
Il giorno dopo due famiglie apparentemente lontane per appartenenza sociale alla vita brianzola vengono toccate da questo incidente e coinvolgono il rampollo delle famiglia ricca con la sua villa che domina il paese e la figlia di un piccolo borghese che invece vuole crescere ed acquisire un ruolo nella società..
Virzì sa sempre creare pellicole che toccano le emozioni poichè con bravura sa raccontare come due facce della stessa medaglia la gioia e il dolore.
Il regista sa molto bene esplorare l’oscurità dell’animo umano che contrasta con il sole che tocca invece la pelle e le relazioni con gli altri..
La pellicola ha un retrogusto di thriller, strizzando l’occhio all’horror ove in mezzo ci sono le famiglie italiane e la differenza sociale tra di esse.
Ottima interpretazione di Bentivoglio, Gifuni e Luigi Lo Cascio.

Da vedere!

Voto 3 su 5

Rispondi