maria alessia del vescovo/ maggio 14, 2014/ cultura/ 0 comments

Augusto in Mostra alle Scuderie del Quirnale
dal 18 ottobre 2013 al 9 febbraio 2014

Alle scuderie dei Quirinale viene messo in mostra, il primo imperatore della storia romana: Augusto, emblema del potere di Roma in Europa.
L’allestimento curato da Eugenio La Rocca, Annalisa Lo Monaco, Cècile Giroire, Daniel Roger, Presicce e Claudio Parisi, mette in evidenza le tappe della sua vita e della carriera di Ottaviano, nipote di Giulio Cesare, sin dagli esordi nella guerra contro Cassio e Bruto al fianco di Antonio fino al principato che poi si è tramutato in monarchia assoluta terminata con la sua morte nel 14 d.C.
Augusto dominò in Europa come mai nessuno prima, l’impero romano ebbe la sua più grande estensione, ma si fermò nell’espansione verso Est dopo le tre sconfitte di Varo contro i Germani, determinando una sorta di frattura tra ovest ed est sia linguistica che culturale nel territorio europeo, presente ancora oggi.
Augusto era un uomo ambizioso che, da perfetto sconosciuto appartenente alla famiglia Giulio Claudia, divenne il padrone del mondo. Lui, nato da di Atia Balba Cesonia, figlia della sorella maggiore di Giulio Cesare, fu da questi adottato nel 44 a.C. poco prima che Giulio Cesare fosse ucciso nel Foro di Pompeo.
Augusto fu nominato nel triumviro nel 43 A.C. accanto a Marco Antonio e Lepido e da lì iniziò la sua carriera sfolgorante con mosse politiche azzeccate.
Attraverso la restaurazione della Repubblica solo sulla carta, rafforzò il suo potere anche attraverso poeti quali Orazio e Virgilio che ne cantavano le lodi e la grandezza del suo impero.
Riscrisse ed inviò a tutte le province la storia di Roma con le Res Gestae Divi Augusti attraverso steli graffite, la cui migliore copia si trova nell’attuale Turchia ad Ancyra.
Nella splendida esposizione troviamo statue, documenti, steli di un uomo che comandò di fatto il mondo per più di 40 anni.
Da vedere.
Voto 4 su 5.

Rispondi